Editoriale

 

 

 

 

Il sogno di un editore è sempre quello di offrire ai propri lettori notizie importanti.

In questa occasione, attraverso il contributo dei protagonisti, abbiamo desiderato dare informazioni sullo stato dell’arte dell’Agenda 2030 dell’ONU e in particolare sull’importanza dell’inserimento, tra i suoi Goals, del Numero 18 titolato “La Comunicazione Responsabile”.

Per la Prima volta CSRoggi esce con un numero monografico.

Intervengono alcuni protagonisti che contribuiscono all’impresa: da José Manuel Velasco di Global Alliance a Filippo Nani Presidente di FERPI, la Federazione Italiana Relazioni Pubbliche, da Sergio Vazzoler della Agenzia di Comunicazione Amapola a Matteo Pedrini e Stella Gubelli, rispettivamente CEO e Direttrice di Altis-Università Cattolica del Sacro Cuore, che riflettono sul rinnovato ruolo del Reporting.

L’invito a una Comunicazione Responsabile è quanto mai necessario in un tempo in cui si è accesa una forte attenzione ai temi legati alla Comunicazione della Sostenibilità e vediamo contemporaneamente strategie di informazione che offrono spesso un’immagine di sé ingannevolmente positiva.

La Comunicazione Responsabile è importante per considerare innovazioni di processi produttivi e organizzativi in modo utile, reale: una condizione indispensabile per tracciare la via dello sviluppo sostenibile.

Saremo lieti di ricevere considerazioni dai nostri lettori mentre ci auguriamo che questa spinta al Goal numero 18 trovi la massima condivisione a ogni livello.

 

di Bruno Calchera
Direttore Responsabile di CSRoggi

 

(da CSRoggi Magazine – Anno 8 – n.5 – Novembre/Dicembre 2023; pag. 3)

Share This