«Cerco un centro di gravità permanente», cantava Franco Battiato. Il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, nell’intervista con cui ha aperto ieri mattina proprio la “due giorni” ordine di “Pianeta 2021”, ha indicato quale deve essere il “centro”: i nostri figli. E non solo di noi italiani. «Gli Stati si devono fidare l’uno dell’altro, dimenticandosi della storia recente e imparando a volere bene ai propri figli più di quanto vogliono bene al proprio passato. L’ideologia è la principale nemica dell’amore verso i nostri figli: ci rende ciechi e non ci fa rinunciare a qualcosa a cui crediamo di tenere, perdendo di vista l’obiettivo globale». Un vero e proprio manifesto per il pianeta, quello di Cingolani, che ricalibra l’azione politica intorno al futuro, incarnato per tutti – appunto – dai ragazzi, dai bambini e dal mondo che possiamo preparare loro.

Il ministro è già all’azione. Il Pnrr dedica a “Rivoluzione verde e transizione ecologica” la Missione numero 2, dopo una presa d’atto esplicita: «Scienza e modelli analitici dimostrano inequivocabilmente come il cambiamento climatico sia in corso». Se il tema ambiente è stato a lungo argomento circoscritto a chi faceva dichiarazione di ecologismo, oggi è diventata il “centro” gravitazionale di ogni azione, pubblica, imprenditoriale e individuale. Il passaggio da un sistema produttivo intensivo e non sostenibile dal punto di vista delle risorse a un modello che ha nella sostenibilità – ambientale, sociale ed economica – il proprio punto di forza, non dà solo il nome del nuovo ministero chiave (che, dice Cingolani, a fine transizione si potrà chiamare della Sostenibilità) ma rappresenta la cruna dell’ago obbligata nella direzione del futuro.

Oggi, nella Giornata Mondiale dell’Ambiente, il «Corriere della Sera» lo sottolinea diventando tutto di colore verde per il secondo anno consecutivo: verde le pagine del quotidiano e quelle della digital edition, verde il sito online. Stamattina (a partire dalle 11) si conclude la maratona di incontri, eventi ed esibizioni musicali organizzati da “Pianeta 2021” – il sistema del Corriere che racconta l’ambiente e la sua difesa con il mensile, le pagine web, la newsletter, oltre naturalmente al quotidiano. Per questo 5 giugno ci siamo ispirati alla realizzazione dei 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile Onu dell’Agenda 2030. Gli ultimi due Goal sono la «lotta al cambiamento climatico» e la «tutela di oceani e mari». Due punti che i nostri figli sanno già molto bene essere al centro di tutto.

di Edoardo Vigna

 (da Pianeta 2021 – Corriere della Sera del 5 giugno 2021)

Share This