“Quando la patria chiama, io non mi tiro indietro”. Vincenzo Di Nicola non ha paura della retorica. Da poche settimane è il Responsabile per l’Innovazione Tecnologica e la Trasformazione Digitale dell’Inps, consapevole della sfida che lo attende: “So di entrare in un sistema colossale, ma lento. Un po’ come un trattore. Lo scopo è quello di tramutarlo in una bella e formidabile macchina da corsa”, dice in questo colloquio cominciato su Linkedin, sviluppato via mail e concluso con una chiacchierata telefonica.

Retorica? Certo. Entusiasmo? tanto. Il personaggio va inquadrato nella sua storia e nella sua formazione. Nel 2013, dopo un decennio trascorso in Silicon Valley e la vendita della sua startup ad Amazon, lo aveva detto: “Sto cercando di capire come fare qualcosa di importante in Italia”. Tornato a casa comincia con un corso di informatica nel suo ex liceo di Teramo e per questo nel 2015 viene ricevuto dal presidente Mattarella, poi fonda la startup fintech Conio e ora, a 41 anni, entra nell’Inps, il più grande istituto di previdenza d’Europa. Dai pagamenti digitali e il bitcoin alle pensioni. Un salto quantico per lui ma anche per il sistema che lo accoglie.

“In questi giorni sono sleep deprived. Mi sembra di essere un bambino che è entrato in un luna park: eccitato di fronte a tutto quello che c’è da fare ma preoccupato di fare indigestione di caramelle e dolciumi”. Attacca Vincenzo, che porta in Italia la cultura del civil servant: fare qualcosa di importante per la tua comunità, per il tuo Paese. “Puoi farlo con un’impresa privata e io ci sono riuscito con Conio, che è un’impresa di successo dove ho potuto assumere alcuni dei giovani che hanno seguito i miei corsi. Ma se puoi farlo nella Pubblica Amministrazione, l’effetto sarà ancora più potente. Ecco perché ho deciso di accettare la sfida Inps”.
(…)

Continua la lettura su economyup.it

 

 

Share This