Si avvera un cambiamento!

Il punto del Direttore

 

 

 

La presentazione il giorno 4 Ottobre del Rapporto ASviS rappresenta la grande novità accaduta a conclusione di una settimana preziosissima. 

Dopo il salone del 1 e 2 Ottobre che ha coinvolto migliaia di persone ad approfondire i temi della sostenibilità nei settori più diversi del vivere, l’occasione della presentazione del Rapporto di ASviS, con la presenza del Presidente della Repubblica Mattarella, del Ministro della Economia e di altre personalità politiche e culturali, ha rappresentato il culmine della attenzione ai processi di innovamento legati alla Agenda 2030.

Non sfugge più a nessuno – come ha suggerito il prof.Giovannini – l’urgenza di affiancare alla Legge Finanziaria anche un Documento di natura non finanziaria ma che indichi decisamente i passi ed i processi da avviare o sostenere per rendere sostenibile tutta la realtà sociale ed economica. Le decretazioni del governo possono dare una nuova via alla conservazione dell’ambiente.

E’ indispensabile che la lettura della realtà del territorio inizi a ad incidere nei processi decisionali. Sono le aziende che lo chiedono, i territori, le persone. Ed è la giovane generazione che attende una risposta adeguata alla crescita sostenibile, allo sviluppo sostenibile.

La parola sostenibilità sta proprio ad indicare un ordine contro il disordine.

L’attenzione e la cura dei processi industriali tesi a migliorare la relazione con l’ambiente ma soprattutto un nuovo vigore alle relazioni virtuose e capaci di creare nei territori interesse, partecipazione, umanizzazione.

Non è solo merito di Greta.

E l’ambiente non è il solo protagonista di questa vicenda.

E infine non è un fenomeno che nasce ora.

Sono decenni, anni che diverse realtà economiche, professionali, e i mutamenti del reale inducono a pensieri diversi.

Molti negli ultimi anni hanno lavorato per far crescere un clima culturale che oggi trova stabilità, almeno nelle coscienze. Le esperienze di verificabile innovazione le attendiamo tutti e da parte di tutti.

Non vi sono magie per cambiare il sistema, è la forza della libertà che davanti alla realtà sa impegnarsi e decidersi.

La forza della decisione è ben più interessante della forza che viene dalla ricchezza economica.

Oggi chi non opera sul versante della sostenibilità inizia ad accorgersi che è “fuori”.

Fuori dal cammino delle forze sociali più culturalmente interessanti, fuori dai grandi processi economici e finanziari, fuori dalle nuove regole del vivere civile.

Fuori dal cambiamento che è iniziato. Forte. Tenace. E ricco di prospettive.

Bruno Calchera
Direttore Responsabile

Leggi tutti “Il punto del Direttore”

 

Share this Post!

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.