Dopo un approfondito lavoro il Comitato di Valutazione ha decretato i tre vincitori della seconda edizione di Premio Alamo.

Ecco chi si aggiudica il montepremi:

01.
Il team di Florentite si aggiudica il primo premio: il progetto di Stefano Zampini (studi nel settore ambientale) Marco Zampini (studi in economia) Luca Latini (studi in economia, marketing e digital comunication), mira a creare materiali innovativi riutilizzando rifiuti inerti; l’obiettivo è quello di acquisire rifiuti speciali difficilmente riciclabili e trasformarli in prodotti nel rispetto dell’economia circolare.

02.
Pharma Personal Machines –secondo classificato- nasce dall’idea di Carlo De Giorgi, ingegnere di Lecce, insieme a Francesco Passabi, Chiara e Antonio Spedicato, e Marina De Giorgi.
L’idea è quella di fornire macchinari flessibili per la produzione di farmaci con quantitativi di principi attivi personalizzati, utilizzati principalmente nella farmacia galenica. Il sistema permette di generare pillole con principi attivi diversi senza richiedere il lavaggio e la sterilizzazione dell’intero macchinario e permette il controllo del 100% della produzione.

03.
Bel2go – terzo classificato- è un progetto su cui sta lavorando un team di quattro studenti di ingegneria del Politecnico di Torino.
Ortenzia Veltri, Paolo Pino, Simone Borrelli e Lucrezia Spriano hanno studiato un sistema di navigazione indoor pensato per consentire ad utenti disabili non vedenti di muoversi in spazi chiusi sconosciuti attraverso l’uso di tatto e udito. La fruizione per l’utente finale avviene tramite l’utilizzo di una semplice app per smartphone e di una innovativa cintura ingegnerizzata, il cui compito è quello di guidarlo lungo un percorso da lui scelto attraverso una combinazione di stimoli acustici e tattili.

L’evento di premiazione si terrà GIOVEDI 21 FEBBRAIO 2019 dalle 16.30 alle 20.00 nella sede di Talent Garden di Via Calabiana 6, a Milano.

Seguirà un aperitivo a cui siete tutti invitati.

Vi aspettiamo!

Maggiori informazioni disponibili a breve sul nostro sito.

 

Share This