L’Osservatorio Startup Intelligence, della School of Management del Politecnico di Milano ha avviato un censimento, a livello nazionale, per individuare le iniziative messe in campo dalle startup italiane per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covid19. In questo contesto l’Osservatorio ha avuto il piacere di intervistare Lorenzo Di Ciaccio, CEO e co-fondatore di Pedius, che ha raccontato la storia di Pedius e di come la startup ha messo a disposizione idee e iniziative per fronteggiare l’emergenza coronavirus.

Pedius è basata su un sistema di comunicazione che permette ai non udenti di effettuare normali telefonate e offre anche alle aziende la possibilità di consentire servizi telefonici accessibili ai loro clienti non udenti. Una volta scaricata l’applicazione per smartphone è possibile iniziare una conversazione digitando un messaggio. Una voce artificiale, durante la chiamata, legge i messaggi e in tempo reale quello che la persona dice al telefono viene trascritto. L’idea alla base di Pedius nasce nel 2013 dalla storia di Gabriele, un ragazzo sordo, che non è riuscito a chiamare i soccorsi dopo un incidente stradale, “ora Gabriele sta bene ed è anche il nostro testimonial”, afferma Lorenzo Di Ciaccio. Oggi Pedius è attiva non solo in Italia, ma anche a livello internazionale, in quattordici Paesi, con più di 30.000 utenti che usano l’applicazione.

Nel corso dell’emergenza Coronavirus, Pedius si è mostrata protagonista di varie iniziative all’insegna della solidarietà digitale e dell’open innovation. In primo luogo, in ottica di innovazione aperta, Pedius ha avviato una collaborazione con TIM, che con Samsung ha donato 1.500 tablet per gli ospedali per permettere a chi è in isolamento di poter videochiamare i propri cari e avere un po’ di socialità. Pedius, a complemento, ha deciso di donare gratuitamente 1.500 licenze gratuite di chiamate illimitate per tutti i destinatari dell’iniziativa, offrendo alle persone con problemi uditivi o in difficoltà fisica la possibilità di telefonare con i sottotitoli. (…)

Continua la lettura su economyup.it

Share This