L’importanza dello spogliatoio

L’uomo della strada

 

Non sono mai stato un appassionato di calcio e quasi sempre un tiepido sportivo. Però adesso mi trovo a concordare pienamente con coloro che sostengono che un team può essere vincente solo se assomma una serie di caratteristiche. Prima di tutto capacità fisica, poi abilità tecniche, talento, non dimenticando neanche le esperienze fatte e quindi le conoscenze acquisite. Ma soprattutto (cosa trascurata sino a non molto tempo fa. O almeno non enfatizzata) la capacita di sentirsi parte di una squadra. Anche se stiamo parlando di un qualcuno che è riconosciuto come una eccellenza tecnica-di qualità-di esperienza, se non riesce a porre sopra tutto la squadra, non funziona. Quelli che parlano spesso di sport sentenziano “lo spogliatoio è essenziale”.

Ma è lo stesso anche nel lavoro, nella famiglia, nelle associazioni. E, fatemelo dire visto che sono appena reduce da una assemblea condominiale che si è svolta secondo la migliore tradizione : un gran discutere di cose inutili, sarebbe bello che si pensasse di essere, in un condominio, non in un campo di battaglia ma in una casa/cosa comune.

Non accenno neanche all’ambito della politica. Non si può sparare sulla Croce Rossa!

E qui arrivo alla Sostenibilità. La prima osservazione che si fa quando si pensa ad una azienda che si incammina nei concetti della CSR, è che il tutto deve nascere dalla decisione del numero uno (sia il proprietario o sia il CEO). E’ lui che deve volerlo, avere le idee chiare, impostare le strategie, affidarne la responsabilità ai giusti collaboratori.

Io aggiungo, a gran voce, che bisogna anche saper coinvolgere tutta la componente umana dell’azienda. I collaboratori, a qualsiasi livello, si devono sentir parte di un progetto, un importante progetto, e quindi fieri di dare ciascuno il proprio contributo per portarlo avanti.

Ma perché questo succeda bisogna che le cose siano spiegate bene, che le argomentazioni siano convincenti, che si riconosca l’importanza dei singoli gesti di ciascuno.

Bisogna, insomma, mettere in atto una buona e proficua comunicazione. Si tratta di amalgamare il gruppo, di far sì che stia bene in campo e soprattutto bisogna far capire quanto sia importante saper fondere le singole capacità per ottenere una squadra vincente. Cioè, l’importanza dello spogliatoio.

Share this Post!

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.