Pelliconi, azienda fondata a Bologna nel 1939 e specializzatasi inizialmente come produttore di tappi a corona, è oggi una delle aziende leader mondiali nel settore delle chiusure in metallo e plastica per l’industria del food & beverage con un volume di vendita annuale di oltre 30 miliardi di unità.

Il team innovazione di Pelliconi, attivo da circa quattro anni, da subito si è concentrato su come innovare “un prodotto iconico che ha una storia di oltre 100 anni”.

Il processo di innovazione che Pelliconi ha messo a punto è composto da cinque stadi: IdeaConceptPrototipoIndustrializzazione e Commercializzazione. Per il suo sviluppo è fortemente praticato e radicato l’approccio di co-creation, sperimentato sia con stakeholder esterni, clienti e fornitori, sia con stakeholder interni. “Quello che noi facciamo è confrontarci sia internamente che esternamente in tutte le fasi di sviluppo, non aspettiamo che il prodotto sia finito”, spiega Matteo Mingardi, Corporate Innovation Manager di Pelliconi all’Osservatorio Startup Intelligence del Politecnico di Milano. “Negli stadi del processo di innovazione andiamo a coinvolgere innanzitutto gli stakeholder interni che sono il nostro primo riferimento e confronto”, sostiene Silvia Salvadori, Innovation Digital Program Manager di Pelliconi, che sottolinea anche i benefici di questa collaborazione interna in termini di riduzione dell’errore di sviluppo: “Noi come team di innovazione lavoriamo inizialmente un po’ come fossimo una startup, ma confrontandoci continuamente con i vari enti aziendali per portare a galla il prima possibile le possibili criticità di progetto”.

“Nella fase di Ideazione, gli input e il coinvolgimento riguardano l’intero team Innovazione ed ogni contributo interno all’azienda, dal management ai dipendenti. Ma non solo, ci sono anche collaborazioni con l’esterno: fornitori, startup, enti di ricerca e specialmente i clienti finali, i quali ci pongono richieste specifiche di sviluppo di prodotti o servizi”, afferma Salvadori.

Continua la lettura su economyup.it 

Share This