Un anno di consolidamento e di rafforzamento delle performance di sostenibilità, grazie a progetti di innovazione, economia circolare, trasformazione digitale e urbanistica verde; oltre 107 milioni di euro di investimenti in infrastrutture e un valore economico distribuito agli stakeholder di oltre 277 milioni di euro (+7% rispetto all’anno precedente): è quanto emerge da Bilancio di sostenibilità 2019 del Gruppo CAP, reso pubblico lo scorso 26 giugno.

Il Gruppo CAP è gestore del servizio idrico integrato della città metropolitana di Milano. Dal 2011 redige il Documento di Rendicontazione Non Finanziaria (DNF), con l’obiettivo di misurare e comunicare le proprie performance relative alle tre dimensioni della sostenibilità (economica, sociale e ambientale). Il percorso di rendicontazione riveste inoltre un’importanza strategica nel rispondere alla crescente domanda di trasparenza da parte degli stakeholder e del territorio.

Amapola ha accompagnato l’impresa nel progetto di redazione e editing dei contenuti del Bilancio, redatto secondo i principi del GRI Sustainability Reporting Standards, in base all’obbligo di disclosure delle informazioni non finanziarie. L’incarico è stato assegnato all’agenzia a dicembre del 2019, a seguito di una consultazione.

La struttura del documento supera la tradizionale divisione per “stakeholder” e si sviluppa per aree tematiche, individuate in 3 pilastri e 9 obiettivi, in linea con il Piano strategico di sostenibilità 2033: consapevolezza, fiducia, attenzione (Sensibili), ridurre, proteggere, difendere (Resilienti) e, infine, evolvere, crescere e sviluppare (Innovatori).

La narrazione del Bilancio è costruita per valorizzare in ognuno dei tre capitoli la centralità della sostenibilità nella strategia industriale del Gruppo, il costante impegno verso una crescita responsabile e il ruolo essenziale del dialogo con gli stakeholder. L’edizione 2019 del documento di rendicontazione ha infatti previsto la completa ridefinizione dell’analisi di materialità aziendale, con l’obiettivo di rafforzare ulteriormente la relazione di vicinanza, trasparenza e fiducia tra impresa, comunità e territorio.

“La comunicazione della sostenibilità in Gruppo CAP è da sempre guidata da un filo blu, proprio come l’acqua che trattiamo e tuteliamo – dichiara Matteo Colle, Responsabile relazioni esterne e CSR di Gruppo CAP –Vogliamo approcciare temi complessi ma strategici in modo rigoroso e correlato agli standard internazionali ma al contempo connettendo obiettivi e strategie al lavoro quotidiano delle nostre persone e alla vita reale delle nostre comunità. Da qui l’importanza di collaborare con strutture specializzate nella comunicazione di sostenibilità, quale Amapola, affinché il nostro patrimonio di conoscenza trovi ulteriori chiavi di lettura e modalità di ingaggio dei nostri pubblici”.

“Abbiamo lavorato al fianco di Gruppo CAP per riuscire a trasmettere la centralità della sostenibilità come valore fondante della crescita industriale dell’impresa – afferma Sergio Vazzoler, partner Amapola  – In particolare per questa edizione del Bilancio abbiamo lavorato a stretto contatto con il team CSR dell’azienda per divulgare in modo efficace le tante azioni messe a terra dal gruppo leader nelle politiche di sostenibilità, a partire dalla nuova matrice di materialità fino al racconto dei temi cruciali per lo sviluppo della strategia futura dell’azienda”.

Il Bilancio di sostenibilità 2019 è disponibile sul sito web https://sostenibilita.gruppocap.it.

Share This