Grazie Greta

L’uomo della strada

 

Pochi giorni fa è successa una cosa che io reputo molto bella. Tantissimi ragazzi della scuola, di tutto il mondo, sono scesi per le strade per attrarre l’attenzione su un concetto molto semplice: ”basta distruggere il mondo”.

Non c’erano partecipazioni politiche, non c’erano quelli che sfasciano tutto, non c’erano cartelli con insulti e provocazioni. In sostanza c’era solo il desiderio di attirare l’attenzione dei tanti distratti sul fatto che è rimasto veramente poco tempo per cercare di mettere una pezza sui disastri che si sono fatti e che si continuano, imperterriti, a fare.

Con una punta, se volete, di egoismo. “Questo mondo rimane a noi giovani. E, se ce lo lasciate in buono stato, potremo essere più contenti”.

Sembra che questo coinvolgimento collettivo sia nato dall’iniziativa, appunto, di una giovane. Greta. Una sedicenne svedese che in pochissimo tempo è riuscita a fare ben di più di tanti paludati soloni che stanno predicando da tempo ottenendo, ahimè, solo scarsi risultati.

Greta ha fatto capire che il problema non è solo il clima, ma sono una serie di cose a cui si deve prestare attenzione. Avete presente i 17 gol per il 2030 dell’ONU?  Beh, sembra che il suo intervento, non solo nel suo Paese, sia riuscito a far convergere l’attenzione di tutto il mondo sulle varie necessità. E soprattutto l’attenzione dei più diretti interessati: i giovani.

E i giovani le hanno risposto “Siamo con te”. E certamente non pochi hanno pensato “grazie Greta”.

Credo (o almeno lo spero) che da oggi sia più difficile che “gli altri” si disinteressino della cosa. Sia quelli importanti, che decidono (o almeno dovrebbero), ma anche tutti coloro, esseri comuni, che vorranno portare la loro goccia per riempire il bicchiere.

Greta l’ha fatto perché ci crede e adesso sembra che questo le venga riconosciuto anche da coloro che l’hanno proposta per il Nobel per la Pace.

Avevo letto che Trump ci teneva tanto ad essere in corso nella gara per quel premio.

Tra i due, voi a chi lo assegnereste?

Share this Post!

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.