Cyber attack: la principale fonte di preoccupazione delle aziende di tutto il mondo

Di fronte agli attacchi cyber non esistono differenze territoriali. Le aziende di tutto il mondo indicano infatti negli attacchi cyber il principale motivo di preoccupazione. È quanto emerge da una ricerca condotta dal World Economic Forum (WEF) che certifica il forte aumento dei timori legati ai rischi tecnologici. Infatti, nell’edizione dello scorso anno la ricerca vedeva i cyber attack classificarsi al primo posto in due aree del mondo e solamente in una nel 2016.

Il fallimento della governance nazionale è valutato essere il rischio maggiore per le imprese dell’America Latina e dell’Asia meridionale, mentre gli shock legati ai prezzi dell’energie sono particolarmente temuti in Eurasia, Medio Oriente e Nord Africa. Infine, la disoccupazione è considerato il pericolo più grave dalle aziende dell’Africa sub-sahariana.

“I cyber attack sono vissuti come il rischio numero uno nei mercati che rappresentano il 50% del Pil globale”, ha spiegato Lori Bailey, membro del Global Future Council del WEF per la sicurezza informatica. “Questo dato suggerisce che sia i governi sia le imprese devono rafforzare i propri sistemi di difesa dai possibili attacchi informatici e aumentare la resilienza al fine di poter continuare a essere competitivi in un’economia digitale sempre più interconnessa”.
(da ASSINEWSletter del 15 novembre 2018)
Share this Post!

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.