L’attività della famiglia Ponti comincia nel 1867 a Sizzano, in provincia di Novara, con il fondatore Giovanni Ponti, agricoltore e produttore di vino e aceto. La passione paterna per questo prodotto dalla tradizione plurimillenaria è trasmessa al figlio Antonio, che ampliò l’attività artigianale e partecipò a molte esposizioni nazionali ed internazionali, fino a ricevere nel 1911 il diploma d’onore per “vini e aceti” alla Fiera Internazionale di Parigi.

Nel 1939, coadiuvato dal figlio Guido, Antonio avvia la produzione delle conserve vegetali all’aceto e all’olio di oliva.

Con una superficie totale di 150.000 mq., di cui 51.000 coperti, il Gruppo Ponti si pone al vertice della produzione mondiale dell’Aceto di Vino e dell’Aceto Balsamico di Modena. La capacità di imbottigliamento giornaliera degli Acetifici del Gruppo Ponti, in un turno di 8 ore, è di 450.000 bottiglie.

Nel 2005 il Sistema Qualità della Ponti, i cui cardini sono sicurezza alimentare, tracciabilità e rintracciabilità del lotto di produzione, copre tutti gli stabilimenti del Gruppo

 

Approfondimenti nel sito ufficiale di Gruppo Ponti

Ponti per gli altri

La sostenibilità per Gruppo Ponti

Il primo Bilancio di sostenibilità (2015)

Post correlati