Il Gruppo Credito Valtellinese è un gruppo bancario di medie dimensioni presente sul territorio nazionale in 11 regioni con 440 filiali e oltre 3.900 collaboratori.

Quotato sul MTA di Borsa Italiana, annovera circa 150.000 azionisti.

Al vertice del gruppo, il Credito Valtellinese, fondato a Sondrio nel 1908 nel solco della tradizione culturale del cattolicesimo popolare, che sin dalle origini ha perseguito un modello di sviluppo intrinsecamente legato al progresso socio-economico e alla valorizzazione dei territori di radicamento storico.

Coerentemente con i principi ispiratori, l’operatività bancaria è prevalentemente orientata alle famiglie, piccole e medie imprese, artigiani, professionisti e istituzioni no profit: un patrimonio “intangibile” in crescita costante che sfiora un milione di relazioni.

Il Piano strategico 2011 – 2014 segna un importante punto di svolta e avvia un processo di consolidamento e semplificazione della struttura societaria del Gruppo, premessa per una nuova fase di crescita in un percorso orientato alla creazione di valore sostenibile nel medio periodo.

Nel 2011 si realizza così una prima fase di riorganizzazione della struttura societaria del Gruppo, con la fusione di Bancaperta, Credito Piemontese e Banca dell’Artigianato e dell’Industria nella capogruppo Credito Valtellinese, l’incorporazione di Banca Cattolica e Credito del Lazio nel Credito Artigiano e la costituzione della nuova Carifano.

Nel 2012 il progetto di riconfigurazione della struttura societaria del Gruppo si completa con la fusione del Credito Artigiano nel Credito Valtellinese, la cui rete operativa copre così direttamente la quasi totalità delle regioni in cui il gruppo è presente ad eccezione della Sicilia, presidio del Credito Siciliano, e di Marche ed Umbria, dove è attiva Carifano. A fine 2016 anche Carifano è incorporata nella Capogruppo, segnando un ulteriore passaggio nel percorso di semplificazione della struttura societaria.

Nel 2016, ad esito delle deliberazioni dell’assemblea straordinaria del 29 ottobre, in conformità alla legge di riforma delle banche popolari varata nel 2015, la banca assume la nuova forma giuridica di società per azioni.

 

Approfondimenti nel sito ufficiale di Gruppo Credito Valtellinese

La sostenibilità per Gruppo Credito Valtellinese

Il Rapporto Integrato 2016

Leggi l’intervista al Vicedirettore Generale Enzo Rocca, pubblicata a pag. 14 di CSRoggi Magazine n.3

Post correlati