Da stazione di ristoro per i pochi automobilisti del dopoguerra a protagonista globale della ristorazione in viaggio.

Un cammino che, a ripercorrerlo, è al tempo stesso una grande storia imprenditoriale e specchio delle trasformazioni che hanno caratterizzato la società e i territori in cui il Gruppo ha saputo svilupparsi.

Anni ’40: le origini

Il primo Autogrill nasce nell’immediato dopoguerra: a inventarlo è un giovane industriale di Novara, figlio di un panetterie. La sua è una grandissima intuizione: a quei tempi oltre la metà degli italiani vive ancora in aree rurali e di automobili se ne conta forse una ogni cento abitanti. E’ a quei tempi che Mario Pavesi, il creatore dei pavesini, apre un piccolo spaccio di biscotti sulla Milano – Torino, all’altezza del casello di Novara. L’antesignano dei moderni Autogrill è un locale bar con e tavoli e poltroncine e pergolato all’esterno. Una vetrina per i biscotti prodotti nella vicina fabbrica di famiglia. Ma, nel giro di pochi anni, quell’invenzione si trasforma in business milionario, grazie anche alla crescita economica del Paese.

Infatti, già negli anni ’50 la guerra sembra ormai cosa lontana. Le fabbriche producono a pieno ritmo, le merci iniziano a girare; il boom è dietro l’angolo e tutti si preparano alla corsa. In giro, sempre più auto e camion, a cui l’autostrada fa spazio inaugurando la corsia di sorpasso. Sullo sfondo dei cambiamenti in atto, l’Autogrill Bar Pavesi sulla Milano Torino si trasforma, includendo un’area ristorante e diventando la prima vera area di ristoro per gli automobilisti in Italia. La metamorfosi è completa: l’Italia ha il suo primo vero e proprio Autogrill, quello che servirà da modello per realizzare tutti gli altri.

Oggi, una società profondamente cambiata pone nuove sfide ad un operatore come Autogrill.

I canali del viaggio, in particolar modo gli aeroporti e le stazioni ferroviarie, hanno smesso di essere luoghi di transito per diventare ambienti di vita, microcosmi disponibili 24 ore su 24 per le forme più avanzate di gastronomia, commercio, intrattenimento, a supporto del people on the move.

In tutto il mondo si vanno affermando stili di vita e di consumo riconducibili a criteri di tipo etico, sociale e qualitativo. Il settore della ristorazione non fa eccezione, e l’interesse verso il tema dell’alimentazione “sana” e di qualità anche in viaggio ne è la prova più tangibile.

Inoltre, la crescente pressione sulle risorse impone di guardare a nuovi approcci, votati a stili di produzione e di consumo consapevoli e sostenibili.

In questo contesto, Autogrill, forte di un‘esperienza di lungo periodo nel settore della ristorazione on the move, punta sulle proprie competenze distintive con una strategia articolata in 3 pilastri fondamentali: consolidamento nelle economie mature e sviluppo in quelle emergenti, riposizionamento nei canali di attività e trasformazione dell’offerta e dei servizi.

Approfondimenti nel sito ufficiale di Autogrill

La Sostenibilità secondo Autogrill

Guarda il Bilancio sociale 2016

Post correlati