Accountability e valutazione

Il punto del Direttore

 

 

 

Vanno bene le azioni di rendicontazione. Va bene la misurazione di impatto. Va ancora benissimo la DNF. Come non essere lieti se vengono presentati i Bilanci Sociali.

L’esposizione di dati messi a disposizione di chi crede alla relazione con gli stakeholder è utile.
E’indispensabile che venga costituita una commissione per stendere le osservazioni che fotografono la realtà e il trend di sviluppo.
Ma ciò che più conta è la valutazione.
La valutazione a cosa serve?
Essa serve a vestire i dati in uscita, ad analizzare in modo crudo ciò che esiste.

Per decidere!
Valutazione e decisione marciano insieme.
Senza la decisione, il valutare non serve!
Il percorso della Sostenibilità è fatto di tappe ciascuna importantissima.
Si parte con una valutazione che ha innestato la decisione e obiettivo: qui si vede la lungimiranza di chi guida perché fa iniziare un processo.
Elabora le scelte per innovazione e cambiamento.
Suscita una azione comune, una collaboratività generale.

Ora dopo le molte analisi, riscontri, e processi di accountability il passaggio finale è proprio la decisione dopo la valutazione.

Il compito della valutazione avviene verificando le posizioni originali e la stessa realtà emersa dal Reporting o dalla DNF con l’attenzione di rinvenire i tratti indispensabili per proseguire il cammino e iniziare cose nuove.
La decisione è sempre un segnale di novità. Di nuovo inizio. Di ripartenza e innovazione.
Di fermata o attesa ma sempre con motivazioni nuove.

In fondo è la vita stessa che impone il metodo.
Esperienza e verifica.
Correzione e cammino.
Realismo ed anche coraggio e rischio.
Dalla valutazione inizia davvero tutto, infatti
si decide un cammino

Accountability e valutazione un legame inscindibile!

Bruno Calchera
Direttore Responsabile

 

Leggi tutti “Il punto del Direttore”

 

Share this Post!

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.