A proposito della Impresa sociale

Il punto del Direttore

 

 

Sappiamo e lo ripetiamo da tempo che ogni impresa, ogni azienda, ogni iniziativa imprenditoriale o di  più soggetti, è una impresa sociale.
È una considerazione evidente: il fattore economico è sempre contiguo al fattore sociale. Il passo della economia tocca inevitabilmente la società.
Così “ il sociale” appartiene ad ogni passo che coglie l’intrapresa della persona.
Dietro ogni prodotto, servizio, riforma della economia c’è una persona e c’è un risvolto sociale.
Ma l’impresa sociale in senso stretto è quella oggetto della riforma 2018 che dovrebbe trovare compimento nel 2019.
Il sottosegretario Durigon lo ha assicurato e certi passi sono stati avviati senza molti indugi.
C’è ancora un elemento in cui non bastano le assicurazioni.
Nella riforma del Terzo Settore (TS) vediamo un intervento punitivo del governo :il raddoppio di certi adempimenti fiscali.
Tasse raddoppiate!!
Una iniziativa che ha sollevato tutto il TS. Ebbene recentemente il Forum del Terzo Settore ha avuto la possibilità di un incontro con il Governo.
Il comunicato finale dell’incontro è stato molto positivo sia per il Forum che per il Governo.
Abbiamo appreso però che il Governo “ ha di nuovo assicurato” che la manovra di Bilancio che ha penalizzato volontariato e associazioni e cooperative sarà modificato.
Qui eravamo a dicembre 2018 quando fu approvato il Decretone.
Qui siamo ora.
Senza calendarizzazione, senza un punto chiaro su quando verrà modificato questo provvedimento si vive in incertezza.
Definiti reddito di cittadinanza e pensioni quando il Terzo Settore potrà avere per intera l’attenzione del Governo?

Bruno Calchera

 

Share this Post!

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.