29 gennaio 2020, audizione di Enrico Giovannini alla XIV Commissione della Camera

E’ disponibile sul sito di ASviS la visione dell’intervento del Prof. Enrico Giovannini in Parlamento.
Un ascolto molto interessante.
Raramente accade che valutazioni di ordine politico e sociale siano accompagnate da dati e informazioni importantissime. Di fatto è tutto il lavoro di ASviS che mostra la sua grande utilità.
Ma questa audizione pur nella brevità dell’intervento (circa 40 minuti per lasciare spazio a domande dei parlamentari) ha mostrato quanto sia urgente quel “cambiamento di paradigma” per poter far decollare un complesso di azioni tese agli obiettivi della Agenda 2030.

Ciò che accade all’Unione Europea con la nuova Commissione è davvero stravolgente: vedere e considerare che ogni commissario europeo deve badare alla realizzazione di quei Gol che appartengono al suo agire è una grandissima novità introdotta da Ursula von der Leyen.

Sapere che nel prossimo incontro di Febbraio ASviS documenterà la legge finanziaria italiana e i suoi obiettivi verificando quali di questi sono più coerenti con gli obiettivi della Agenda è un esercizio utile e importantissimo.
Saranno interessanti le valutazioni sulla politica ambientale, sui rifiuti e sul degrado generale del territorio alla luce dei nuovi programmi.

“I quattro pilastri dello sviluppo sostenibile sono tutti ugualmente importanti: Economia, Società, Ambiente ed Istituzioni”.

E’ una forzatura trattare la sostenibilità unicamente in chiave ambientale ovvero ecologista.
Occorre una condivisione tra questi quattro pilastri e ciò non è facile.
Abbiamo davanti ai nostri occhi i nostri problemi: la siderurgia e la tutela ambientale, gli scarti velenosi ed inquinanti dell’industria e il territorio malsano, i rifiuti urbani e l’assenza di termovalorizzatori o degli impianti di compostaggio per la raccolta differenziata, la manutenzione delle strade e i troppi incidenti, l’agricoltura e l’attacco sistematico di xylella e parassiti, oltre ai pericoli per terremoti e inondazioni.
Su alcune questioni il programma di governo interverrà sicuramente, ma le risorse non bastano per tutto. Ovvio!
Occorre qui un cambio di mentalità sia di chi fa impresa sia di chi vive la società e non può non curare il benessere collettivo senza menefreghismi e saccenteria.
Noi saremo attenti alle indicazioni di ASviS e cercheremo, come sempre, di dar voce alle Best Pratices e a tutti i tentativi di cambiamento e di innovazione.
Raccontarli è il nostro compito.
Speriamo di trovare sempre nel nostro cammino realtà umanamente coinvolgenti e tali da iniziare un cammino di condivisione, che possa sopravvivere nel tempo.
Un racconto inizia e spesso offre utili dati e notizie, ma non finisce.
Resta perciò lo spazio per seguire questo inizio di processo e dettagliare per quanto è possibile la fine del racconto con i risultati.

 

Bruno Calchera
Direttore Responsabile

 

Share this Post!

0 Comment

Send a Comment

Your email address will not be published.